Home

Di Servizio Idrico Integrato (S.I.I.) si parla per la prima volta in Italia nella cosiddetta legge Galli (Legge 05 gennaio 1994 n.36 – Disposizioni in materia di risorse idriche), la quale all’art.1 stabilisce che <<….. Tutte le acque superficiali e sotterranee, ancorché non estratte dal sottosuolo, sono pubbliche e costituiscono una risorsa che è salvaguardata ed utilizzata secondo criteri di solidarietà ……>>.

All’art.4 della medesima legge è inoltre precisato che il S.I.I. è <<…. costituito dall’insieme dei servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua ad usi civili, di fognatura e di depurazione delle acque reflue ……>>. Detto servizio è gestito all’interno degli ambiti territoriali ottimali, delimitato ai sensi della L.R. 20 gennaio 1997 n.13
Il successivo D.Lgs. 03 aprile 2006 n.152 – Norme in materia ambientale, abroga la legge Galli e, ribadendo il carattere pubblicistico dell’acqua, integra la definizione del S.I.I. con la precisazione che esso <<…… deve essere gestito secondo principi di efficienza, efficacia ed economicità, nel rispetto delle norme nazionali e comunitarie ……>>.”
L’Autorità d’Ambito N.4 cuneese ha affidato la gestione del S.I.I. ad AIGO S.r.l. con Deliberazione n.20 in data 29.10.2007.

A partire dal 01 gennaio 2016 la gestione del Servizio Idrico Integrato per i comuni già gestiti da Aigo Srl sarà in capo alla Società A.C.D.A. di Cuneo. Si invitano le Utenze a far riferimento alla nuova Società per quanto necessario.